Fisiatria e Riabilitazione

Fisiatria e Riabilitazione.

Il termine di “Fisiatria” è stato coniato dal Dr. Frank H. Krusen nel 1938. Tale terminologia è stata accettata dalla American Medical Association nel 1946. Il campo è cresciuto in particolare in risposta alla domanda di sofisticate tecniche di riabilitazione per il gran numero di soldati feriti di ritorno dalla seconda guerra mondiale .

La fisiatria è una disciplina medico-specialistica, esistente in tutti i paesi del mondo e riconosciuta dall’O.M.S., denominata anche Medicina Fisica e Riabilitativa.
L’interdisciplinarietà della fisiatria è forse l’aspetto che maggiormente caratterizza il medico specialista in tale disciplina. Infatti la medicina riabilitativa è operante nei postuimi e negli esiti delle malattie traumatologiche, ortopediche, reumatologiche, neurologiche, otorinolaringoiatriche, respiratorie, urologiche, cardiologiche, dermatologiche, angiologiche. ). La riabilitazione non è quindi sinonimo di fisioterapia o rieducazione neuromotoria ma é parte integrante di un percorso riabilitativo, che rientra all’interno di un progetto comune in cui l’obiettivo finale del percorso, è il miglioramento della qualità di vita del soggetto. In altre parole è un processo di cambiamento attivo attraverso il quale una persona disabile acquisisce e usa le conoscenze e le abilità necessarie per rendere ottimali le proprie funzioni fisiche, psicologiche e sociali (Thompson, 1998).
Le menomazioni che ne derivano possono trovare giovamento ad opera della medicina riabilitativa; ma il principio fondamentale e prioritario ad ogni intervento medico riabilitativo è la diagnosi, la quale deve essere fatta secondo le regole classiche della medicina:
Anamnesi: deve essere accurata;
Esame obiettivo generale;
Esame obiettivo specialistico, attraverso le conoscenze di clinica, semeiotica, biomeccanica ed anatomia funzionale;
Esami di laboratorio e strumentali.
Solo dopo una Diagnosi (che può essere fatta solo dal Medico) può essere prescritto un trattamento sia esso farmacologico o fisioterapico. Infatti spesso sintomi simili possono derivare da patologie differenti ad esempio un dolore lombare può essere dovuto ad un problema della colonna lombare o ad un aneurisma dissecante dell’aorta addominale, per cui il trattamento è molto differente (nel secondo caso deve essere chirurgico per evitare rischi gravissimi per la vita del paziente).

  • Il FISIATRA è un medico, quindi laureato in medicina e chirurgia, specialista in Medicina Fisica e Riabilitativa con particolare esperienza nel trattamento di disabilità causata dalle diverse affezioni patologiche e/o dal dolore e con competenze specifiche in ambito neuromuscolare, osteoarticolare, cognitivo-relazionale, biomeccanico-ergonomico e psicologico. Ha competenze per valutare ed affrontare le problematiche relative alla limitazione dell’autonomia e partecipazione della Persona in relazione al proprio ambiente fisico, familiare, lavorativo e sociale. Mira, pertanto, al massimo recupero delle funzioni ed abilità con un approccio olistico alla persona. Lavora in team interprofessionale e interdisciplinare e lo coordina nella realizzazione del progetto riabilitativo avendo come obiettivo l’outcome attraverso il massimo recupero delle funzioni e abilità della Persona. Il suo campo di interesse è il trattamento delle patologie dell’apparato muscolo – scheletrico e del Sistema nervoso che comportano deviazioni anatomiche o funzionali con conseguenti deficit e/o perdita di autonomia della persona (es. rachialgie, scoliosi, postumi ed esiti di traumi e fratture, ictus cerebrali, morbo di Parkinson, S.L.A., demenze, ecc.). Il fisiatra, dopo aver valutato i bisogni riabilitativi della persona, individua il protocollo medico specialistico riabilitativo (Progetto Riabilitativo Individuale con i relativi programmi riabilitativi) e le modalità e la durata delle prestazioni di medicina fisica e riabilitativa.

L’atto medico del fisiatra si concretizza, quindi, in prestazioni diagnostiche, valutative, terapeutiche (sia farmacologiche, sia strumentali e rieducative).
Noi Fisiatri ci occupiamo quindi di:
Riabilitazione Motoria post-protesica Riabilitazione motoria neurologica post-ictale

Riabilitazione Motoria post-protesica Riabilitazione motoria neurologica post-ictale
   
Riabilitazione motoria negli sportivi Riabilitazione motoria negli amputati
 
Riabilitazione motoria neurologica nei traumi spinali
   
Agopuntura Spinometria
 
Pavimento Pelvico
pavimentoPelvico1

PRINCIPI E CAMPI D’AZIONE DELLA MEDICINA FISICA E RIABILITATIVA